Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

 

Sa.Co.I. 3: Terna presenta al comune di Santa Teresa Gallura due ipotesi progettuali alternative


NEWS TERRITORIO

26

ottobre 2018

    A valle degli incontri con i cittadini, aperto il confronto con le Istituzioni locali
    L’alternativa progettuale propone l’approdo del cavo marino presso la Marmorata e la nuova stazione di transizione presso un fondo a ridosso di Via La Ruda

    Terna ha partecipato oggi al Consiglio Comunale di Santa Teresa Gallura per presentare le due diverse opzioni progettuali relative al SACOI3, il piano di ammodernamento del collegamento elettrico tra Sardegna, Corsica e Italia Peninsulare, presentato ai primi di ottobre anche ai cittadini di Santa Teresa.

    Dopo aver raccolto i suggerimenti della comunità interessata dagli interventi, i tecnici di Terna sono tornati oggi per presentare al Comune le due diverse ipotesi progettuali che rappresentano le istanze del territorio.

    La prima alternativa, già presentata ai cittadini di Santa Teresa, prevede di mantenere l’approdo del cavo marino a Rena Bianca e il prolungamento di circa 1,4 km del cavo interrato che, dalla posizione attuale della esistente stazione di transizione, arriverebbe alla nuova stazione posizionata più nell’entroterra, nei pressi della biglietteria dell’area archeologica Nuragico Lu Brandali.

    La seconda opzione progettuale, illustrata per la prima volta oggi al Consiglio Comunale di Santa Teresa Gallura, prevede invece l’approdo del cavo marino alla spiaggia della Marmorata e la posa di circa 6 km di cavo interrato fino alla nuova stazione di transizione da posizionare in un’area prossima a Via La Ruda. Questa soluzione porterebbe importanti benefici ambientali grazie alla demolizione di 4,3 km dell’esistente elettrodotto.

    Entrambe le soluzioni renderanno possibile la demolizione dell’esistente stazione di transizione, prospiciente la costa, e l’interramento di una porzione dell’esistente linea aerea, parte della quale interferisce con il Sito di Interesse Comunitario di Capo Testa.

    Terna conferma così la piena disponibilità a continuare il dialogo con le Istituzioni e i Cittadini, al fine di realizzare un intervento che renda sicuro e affidabile il sistema elettrico sardo e che sia ben integrato con l’ambiente.


    Scarica il comunicato