Un’infrastruttura unica, tra le più innovative mai progettate e realizzate in ambito energetico. Un primato mondiale per l’Italia e per Terna: è l’elettrodotto “Sorgente Rizzìconi”. Un’opera-simbolo che unisce Sicilia e Calabria alla Penisola e quindi all’Europa con il più lungo cavo elettrico sottomarino a corrente alternata al mondo - ben 38 kilometri - posato fino a 370 metri sotto il livello del mare.
L’infrastruttura - per un investimento di oltre 700 milioni di euro - si estende complessivamente per 105 km. Un ponte elettrico sotto lo Stretto  fondamentale per mettere in sicurezza l’isola evitando disservizi e per ridurre il costo dell’energia elettrica in Sicilia, con un risparmio complessivo stimato per l’intero sistema elettrico italiano di oltre 600 milioni di euro l’anno. Un’infrastruttura che rispetta l’ambiente e che permetterà di evitare emissioni nell’atmosfera pari a 700 mila tonnellate di CO2 ogni anno.

Per il progetto, Terna ha investito, negli ultimi 5 anni, oltre 700 milioni di euro, uno dei più imponenti investimenti della storia del Gruppo. Il lavoro ha impegnato 150 aziende fra fornitori e realizzatori, di cui il 90% tutti italiani, con un livello di tecnologia e competenza eccellenti. Nel periodo sono stati complessivamente occupati più di 2.000 lavoratori.

Una grande infrastruttura per il sistema italiano e continentale, una grande impresa di Terna leader in Europa nella costruzione del futuro energetico integrato.

 

Il progetto “Sorgente Rizziconi” ha beneficiato del sostegno finanziario dell’Unione Europea nell’ambito del Programma European Energy Programme for Recovery (EEPR).



  • Video Evento

  • Video Emozionale

  • Terna Storify
  • Scheda numeri
  • Infografica in pianta
  • Generale tracciato
  • Galleria-pozzo
  • Infografica cavi