Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

Assicuriamo un servizio di interesse generale: la trasmissione e il dispacciamento dell’energia elettrica in Italia, attraverso

  • l'esercizio della rete ad alta tensione
  • la manutenzione delle infrastrutture
  • la pianificazione dello sviluppo della rete
  • la realizzazione della rete.

A differenza di altre fonti di energia, l’energia elettrica è difficilmente immagazzinabile: dobbiamo quindi assicurare il costante l’equilibrio tra produzione e consumo.

Effetti economici per la collettività

La nostra attività determina ricadute economiche e contribuisce alla crescita del Paese. L’attività di sviluppo della rete elettrica è particolarmente rilevante:

  • le maggiori interconnessioni con i Paesi confinanti permettono di importare energia a prezzi maggiormente competitivi rispetto alla produzione nazionale, di disporre di una riserva di potenza aggiuntiva e di garantire maggiore concorrenza sui mercati dell’energia.
  • La riduzione delle congestioni di rete migliora lo sfruttamento delle fonti di produzione nella copertura del fabbisogno e rende possibile l’impiego degli impianti più competitivi, con impatti positivi sulla concorrenza nel segmento della generazione e sui prezzi finali.

Nel 2017 abbiamo investito 958 milioni di euro nelle attività regolate, e il nostro Piano strategico 2018-2022 prevede investimenti di circa 5,3 miliardi di euro nel prossimo quinquennio.

Tutti i nostri investimenti nello sviluppo sono oggetto di una verifica preliminare, confrontando i costi stimati di realizzazione con i benefici attesi sulla riduzione degli oneri complessivi di sistema, nell'ottica di massimizzare il rapporto costi/benefici. Questo rapporto deve ora essere superiore a 1,5. Ogni euro investito da Terna genera quindi in media un multiplo di risparmi per gli utenti della rete, che si riflettono sul consumatore finale.

Sapevate che…
Il costo del servizio di trasmissione sulla bolletta elettrica è pari a circa il 3,5%. Secondo i dati della Commissione Europea - sia nel segmento residenziale che industriale - i cosiddetti “Network cost” sostenuti dai consumatori italiani sono più bassi della media europea

Sicurezza del sistema elettrico

Il Piano per la Sicurezza, elaborato ogni anno da Terna e approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico, rappresenta un programma quadriennale delle iniziative per prevenire i disservizi sulla rete elettrica e, nel caso, mitigarne le conseguenze.

Il Piano per la Sicurezza prevede 8 aree tematiche relative alle attività di programmazione, controllo, regolazione e protezione, riaccensione e monitoraggio del sistema elettrico, oltre a un’area dedicata alla gestione sicura e ottimale delle fonti rinnovabili.

Sapevate che…
Nel 2017 gli investimenti realizzati per i progetti previsti nel Piano per la Sicurezza sono stati pari a circa 63 milioni di euro.

Dialogo con il territorio

Le comunità locali sono nostri stakeholder fondamentali. Puntiamo a creare e a mantenere un rapporto solido e collaborativo con il territorio, condividendo le esigenze di sviluppo della rete con le istituzioni locali, rimanendo disponibili ad ascoltare le opinioni delle parti interessate e cercando soluzioni condivise per la collocazione delle nuove infrastrutture e il riassetto di quelle già esistenti.

Si creano in questo modo le condizioni per “costruire” insieme lo sviluppo della rete, rendendola più sostenibile e accettabile, prestando attenzione non solo alla qualità del servizio ma anche all’impatto ambientale e paesaggistico.

Nel corso del 2017 Terna ha svolto complessivamente 303 incontri con amministrazioni locali, coinvolgendo circa 260 enti.

Per saperne di più sui percorsi di concertazione con gli enti locali

“Terna incontra” i cittadini

Per ogni intervento di sviluppo della rete dialoghiamo con le comunità che vivono nelle aree interessate. Nel 2017 Terna ha realizzato 13 eventi “Terna incontra” (Auronzo di Cadore, Cortina D’Ampezzo, Vaiano, Formazza, Domodossola, Comignago, Avigliana, Val di Susa e Chiomonte, Volpago, Scorzè), a cui hanno partecipato oltre 343 cittadini.

Per saperne di più.