Integrità e trasparenza sono per Terna valori importanti, tanto da essere riconosciuti tra i principi fondamentali nel nostro Codice Etico. Le aree di intervento principali sono tre: il contrasto alla corruzione, la prevenzione delle frodi e la diffusione della cultura della legalità e della buona gestione. Il modello organizzativo adottato da Terna ha l’obiettivo di garantire la correttezza e la trasparenza delle attività aziendali.

Il nostro Gruppo si impegna infatti a svolgere tutte le attività nel rispetto della normativa vigente oltre a migliorare continuamente i processi. Questo impegno si traduce nella certificazione dei sistemi di gestione ed espresso nella nostra Politica Integrata.

Nel 2016 abbiamo consolidato il nostro impegno per l’integrità firmando con il Ministero dell’Economia e delle Finanze un nuovo accordo intitolato “Sicurezza in rete”.

Prevenzione della corruzione

Assicuriamo la prevenzione della corruzione a tutti i livelli attraverso presidi e sistemi. Dall’1 novembre 2005 (da quando cioè Terna S.p.A. è diventata concessionario delle attività di trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica in Italia) non risultano sentenze penali di condanna di dipendenti del Gruppo Terna per reati di corruzione. Dal 2014 Terna aderisce a Transparency International, la più grande organizzazione mondiale attiva nella prevenzione e nella lotta alla corruzione.

Sapevate che…
A gennaio 2017 Terna è diventata la prima società italiana a ottenere la certificazione 37001 per il suo Sistema di Gestione Anticorruzione, che copre sia la capogruppo che le sue controllate.

Prevenzione delle frodi

Terna si impegna per la sicurezza al fine di prevenire e combattere la corruzione, il lavoro nero, le irregolarità e il rischio di infiltrazioni criminali nel tessuto economico, negli appalti e nei subappalti.

Abbiamo sviluppato un modello basato sull’analisi sistematica delle precondizioni di eventi fraudolenti, con l’obiettivo di individuare le potenziali vulnerabilità del nostro sistema di controllo. Tale modello ci consente di riconoscere le “aree critiche”, intercettando e prevenendo eventuali problematiche organizzative e operative.

Per prevenire le frodi monitoriamo il grado di esposizione ai fattori di rischio, raccogliamo e analizziamo le segnalazioni e gli indizi di potenziali illeciti, esaminiamo i processi e adottiamo adeguate misure di governance e controllo. Raggiungiamo il nostro obiettivo attraverso analisi mirate, grazie a strumenti come banche dati e software specialistici che aggregano e mettono a confronto migliaia di dati su fornitori, contratti, progetti e aree aziendali.

Abbiamo sviluppato un ulteriore metodo di controllo che tiene conto degli stakeholder con cui Terna si relaziona, finalizzato al contenimento dei rischi derivanti da operazioni con terzi e al monitoraggio dei clienti “critici”, per minimizzare le perdite derivanti dall’inesigibilità dei crediti.

Per noi è importante prevenire anche altri tipi di rischio: per questo abbiamo predisposto procedure molto rigorose per la gestione dei rischi. In linea con la nostra cultura della trasparenza e della legalità, a novembre 2015 abbiamo lanciato il portale Cantieri Aperti & Trasparenti

Formazione dei dipendenti sulla condotta etica

Per prevenire gli illeciti a tutti i livelli della società, tutti i neo-inseriti frequentano dei corsi di formazione per sensibilizzare e diffondere le regole di condotta e le procedure stabilite. Questi corsi formano e informano i dipendenti sugli ambiti a rischio di eventi illeciti e sui potenziali illeciti relativi ai lavori svolti.

Sapevate che…
Dal 2014 Terna aderisce a Transparency International, la più grande organizzazione mondiale attiva nella prevenzione e nella lotta alla corruzione. All’inizio del 2016, nell’ambito di un’iniziativa promossa dall’Associazione, l’azienda ha partecipato al Business Integrity Forum (BIF). All’interno di questa rete, Terna lavora in collaborazione con altre 11 grandi società italiane a progetti comuni per sostenere la lotta alla corruzione nelle pratiche di business anche attraverso la comunicazione e la diffusione culturale.