Lavora con noi |  Archivio Documenti |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

Terna è da sempre particolarmente attenta alla prevenzione dei rischi che potrebbero compromettere la gestione responsabile e sostenibile del proprio business. Per questo, aderendo alle indicazioni del Codice di autodisciplina per le società quotate nella Borsa Italiana e dell’Anac, abbiamo realizzato il portale Procedura segnalazioni – Whistleblowing, strumento web a disposizione di chiunque voglia segnalare situazioni che possano arrecare danno o pregiudizio all’azienda, come una frode, un rischio generico o una situazione potenzialmente pericolosa.

Il portale rientra nell’ambito degli strumenti di controllo interno adottati dal gruppo Terna per contrastare la corruzione, garantire correttezza e trasparenza nella conduzione degli affari e delle attività svolte, e tutelare la propria posizione e reputazione.

Le segnalazioni devono essere rese in buona fede e non in forma anonima. Per tutelare al massimo il “segnalante” e il “segnalato” sono state adottate le necessarie misure di sicurezza: viene garantita la riservatezza dell’identità di chi scrive e del contenuto della segnalazione attraverso protocolli sicuri e strumenti di crittografia che permettono di proteggere i dati personali e le informazioni, anche quelle comprese negli eventuali allegati.

L’organo aziendale competente per la gestione delle segnalazioni è il Comitato etico, i cui componenti, nominati dall’Amministratore Delegato, vengono scelti per rappresentare un punto di vista eterogeneo e un equilibrio tra le diverse società del Gruppo, funzioni e ruoli aziendali.

Per lo svolgimento delle attività di verifica, il Comitato etico si avvale delle funzioni Audit, Fraud Management e Presidio Modello 231. Le segnalazioni vengono gestite in modo trasparente attraverso un iter predefinito. L’intero processo garantisce ai segnalanti la tutela da pressioni e discriminazioni, dirette o indirette, dei soggetti deputati alla verifica delle segnalazioni, nonché la possibilità per il segnalante di seguire lo stato di avanzamento dell’istruttoria.

L’identità del segnalante non è mai rivelata senza il suo consenso, a eccezione dei casi in cui le verifiche condotte non ricadano nella fattispecie di indagini penali, amministrative o tributarie, oppure diano origine a un procedimento disciplinare basato unicamente sulla denuncia ricevuta: in quei casi, la conoscenza dell’identità dell’autore della segnalazione è indispensabile per la difesa di chi viene accusato.

Il Whistleblowing rappresenta quindi un ulteriore e importante tassello del sistema di sicurezza integrato di Terna, davvero unico in Italia.