Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

Remunerazione dell’Amministratore Delegato e Direttore Generale

Si ricorda che in Terna per l’Amministratore Delegato e Direttore Generale il rapporto di amministrazione ed il rapporto di lavoro dirigenziale in essere sono connessi.

Pay mix
Remunerazione fissa

Per il mandato 2017-2019, la remunerazione fissa complessiva per la carica di Amministratore Delegato è composta da:

  • un emolumento annuo, stabilito dall’Assemblea degli Azionisti del 27 aprile 2017, pari a € 35.000;
  • un emolumento annuo approvato dal CdA nella seduta del 9 maggio 2017, su proposta del Comitato per la Remunerazione e sentito il parere del Collegio Sindacale, pari a € 200.000.

La remunerazione fissa complessiva prevista per la carica di Direttore Generale è composta da:

  • una componente fissa annua lorda (Retribuzione Annua Lorda, RAL);
  • benefit riconosciuti dal contratto collettivo nazionale di riferimento (CCNL) e dalle policy e prassi aziendali.

La Retribuzione Annua Lorda approvata dal CdA nella seduta del 9 maggio 2017 è pari a € 850.000.

Complessivamente, pertanto, all’AD e DG, per il mandato in corso, è riconosciuta una remunerazione fissa lorda annua pari a € 1.085.000.

Incentivazione di Breve Termine (MBO)

L’incentivazione di breve termine prevista per l’Amministratore Delegato è subordinata al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

L’importo dell’incentivo annuale, approvato dal Consiglio di Amministrazione, è pari a € 200.000 lordi ed è di tipo on/off; tale importo, pertanto, sarà erogato soltanto al raggiungimento di entrambi gli obiettivi, mentre il mancato raggiungimento anche di uno solo dei due obiettivi, non genererà alcuna erogazione.

L’incentivazione di breve termine prevista per il Direttore Generale è subordinata al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

* Entrambi gli indicatori che compongono l’obiettivo sono riferiti alle attività regolate del Gruppo Terna. Ciascuno dei due indicatori concorre in egual misura al raggiungimento dell’obiettivo, secondo la curva di score indicata. A consuntivo, lo score attribuito all’obiettivo sarà, pertanto, pari alla media aritmetica degli score dei due indicatori (purché entrambi gli score siano ≥ 80%, altrimenti la quota di premio correlata all’obiettivo si azzera).
** ARERA è l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

L’importo dell’incentivazione effettivamente erogato varia in funzione del grado di raggiungimento dei target assegnati ai singoli obiettivi. Se la media degli score dei singoli obiettivi è pari a 100%, l’importo è pari a 300.000 euro lordi.

Complessivamente, pertanto, all’AD e DG, per il mandato in corso, è riconosciuta una remunerazione variabile di breve termine che, al target, è pari a 500.000 euro annui lordi.

Incentivazione di Lungo Termine (ILT)

Nel 2017, successivamente all’insediamento del nuovo Consiglio di Amministrazione e dell’avvio dei lavori del Comitato per la Remunerazione, in ragione di vincoli temporali molto stringenti, che non avrebbero consentito di poter percorrere il normale iter di approvazione di un piano completamente basato su strumenti finanziari (equity based), si è deciso di procedere con il disegno di un impianto rolling così strutturato:

  • un primo Ciclo triennale monetario «Convertibile» 2017-2019: Piano di natura monetaria caratterizzato dalla possibilità per il Consiglio di Amministrazione di scegliere se convertire il premio in equity;
  • due successivi Cicli triennali «equity based» 2018-2020 e 2019-2021: piani sotto forma di Phantom Stock, che premino crescite del valore per gli azionisti persistenti e sostenibili nel tempo e che, essendo basati su strumenti finanziari, risultano in linea con le prassi di mercato e con le indicazioni del Codice di Autodisciplina.

Di seguito le principali caratteristiche dei Cicli:

Il compenso variabile del Direttore Generale legato al 1° Ciclo 2017-2019 del Piano LTI è determinato con riferimento ad un livello di incentivazione corrispondente al 123,6% della Retribuzione Annua Lorda del DG, come valore complessivo del Ciclo triennale in caso di raggiungimento di una performance complessiva a target (100%).

Incentivazione di Lungo Termine (ILT)

9. Il TSR di Terna e dei peers viene calcolato su un arco temporale di tre anni, utilizzando, per il secondo Ciclo, la media dei valori di chiusura del titolo dell’anno 2018 e l’analoga media relativa all’anno 2020 e, per il terzo Ciclo, la media dei valori di chiusura del titolo dell’anno 2019 e l’analoga media relativa all’anno 2021. La fonte dei dati per il TSR è Bloomberg.
10. Le società rientranti nel Peer Group (Snam, Red Electrica, Enagas, National Grid, Severn Trent, United Utilities) sono primarie utilities Europee quotate in borsa. Esse fanno parte del sotto-settore delle utilities regolate e presentano, pertanto, un modello di business che, pur riferibile a settori diversi, presenta elementi di omogeneità e comparabilità con quello di Terna. La selezione del peer gruppo è stata quindi orientata all’individuazione di titoli che riflettano le caratteristiche del titolo Terna, sia con riferimento al ciclo di business che con riferimento agli elementi esterni che possano condizionarne l’andamento, tanto da essere al momento della redazione della presente Relazione, i medesimi titoli presi in esame dagli analisti finanziari ai fini della valutazione e del confronto con il titolo Terna. I titoli azionari che dovessero essere oggetto di operazioni straordinarie che ne comportino il delisting o la sensibile riduzione del capitale flottante, saranno sostituiti (fino ad un massimo di due) dai seguenti titoli, elencati nell’ordine: Elia, REN.

Il compenso variabile del Direttore Generale legato al II° e III° Ciclo del Piano LTI è determinato con riferimento ad una attribuzione di un numero di Phantom Stock corrispondente al 123,6% della Retribuzione Annua Lorda del DG, come valore complessivo di ciascun Ciclo in caso di raggiungimento di una performance complessiva a target (100%) e a parità del valore dell’azione di Terna rispetto alla data di assegnazione.

Torna su

Compenso per la partecipazione ai Comitati consiliari

Per il mandato 2017-2019, il compenso annuale degli Amministratori per la partecipazione ai Comitati consiliari è stato determinato dal Consiglio di Amministrazione in data 9 maggio 2017, sentito il parere del Collegio Sindacale, eletto dall’Assemblea degli Azionisti del 27 aprile 2017 e risulta - in continuità con la precedente consiliatura - così composto:

  • Presidente del Comitato Controllo Rischi, Corporate Governance e Sostenibilità: € 60.000 annui;
  • Presidenti del Comitato per la Remunerazione, del Comitato per le Nomine, nonché del Comitato Operazioni con Parti Correlate: € 50.000 annui;
  • Componenti dei Comitati: € 40.000 annui.

Torna su