• Rete di Trasmissione Nazionale

    La filiera del sistema elettrico italiano si compone di quattro segmenti: la produzione, la trasmissione, la distribuzione e la vendita di energia elettrica. In questa filiera, le attività di Terna si riferiscono alla trasmissione dell’energia elettrica sulla rete ad Alta Tensione; in particolare il Gruppo si occupa della gestione del sistema elettrico attraverso l’esercizio della rete, della massima efficienza delle infrastrutture e dell’eccellenza della loro manutenzione attraverso l’ingegneria e la gestione degli impianti e dello sviluppo della rete (vai in Media).

    Rete di Trasmissione Nazionale

  • L’esercizio

    Nell’esercizio della rete è fondamentale assicurare in ogni momento l’equilibrio tra immissioni e prelievi, cioè tra offerta di energia, di produzione nazionale e di importazione, e consumi degli utenti finali. Tale funzione è chiamata dispacciamento. La preparazione all’esercizio in tempo reale include la programmazione delle indisponibilità (di rete e degli impianti di produzione) con diversi orizzonti temporali, la previsione del fabbisogno elettrico nazionale, il suo confronto di coerenza con il programma delle produzioni determinato come esito del mercato libero dell’energia (Borsa elettrica e contratti fuori Borsa), l’acquisizione di risorse per il dispacciamento e la verifica dei transiti di potenza per tutte le linee della rete di trasmissione. Nella fase di controllo in tempo reale il Centro Nazionale di Controllo, coordinando altri centri sul territorio, effettua il monitoraggio del sistema elettrico e svolge la funzione di dispacciamento intervenendo, a fronte di deviazioni dall’assetto previsto per guasti d’impianti di produzione o di elementi di rete o per un andamento del fabbisogno divergente rispetto alle previsioni, con comandi ai produttori e ai Centri di Teleconduzione in modo da modulare l’offerta e l’assetto della rete. Per evitare il rischio di degenerazione della rete e di disalimentazioni estese, può intervenire in emergenza anche a riduzione della domanda.

  • La pianificazione dello sviluppo della rete

    L’analisi dei flussi di energia elettrica sulla rete e l’elaborazione di proiezioni sulla domanda consentono a Terna di individuare le criticità della rete e le nuove opere che è necessario realizzare affinché sia garantita l’adeguatezza del sistema rispetto alla copertura del fabbisogno, alla sicurezza di esercizio, alla riduzione delle congestioni e al miglioramento della qualità e della continuità del servizio. Le nuove opere da realizzare vengono inserite nel Piano di Sviluppo della Rete di Trasmissione Nazionale, presentato annualmente al Ministero dello Sviluppo Economico per l’approvazione; Terna ne segue poi l’iter autorizzativo, dalla concertazione preventiva con gli Enti locali fino all’autorizzazione per la realizzazione dell’intervento. Terna provvede infine a identificare, mediante analisi della situazione della rete, le migliori modalità di connessione alla rete di trasmissione per tutti gli operatori che ne facciano richiesta per i loro impianti.

  • La realizzazione

    Terna definisce gli standard ingegneristici degli impianti collegati alla rete, in particolare gli standard costruttivi e le prestazioni richieste ad apparecchiature, macchinari e componenti di stazioni ed elettrodotti. In tema di realizzazione degli impianti, Terna predispone progetti realizzativi delle opere autorizzate; in particolare, definisce il fabbisogno di risorse esterne e il budget per i progetti e stabilisce i metodi di lavoro e le specifiche tecniche dei componenti e dei materiali da utilizzare nella costruzione delle nuove linee o stazioni, anche adottando metodi innovativi. La costruzione dei nuovi impianti è di norma realizzata in outsourcing.

  • La manutenzione

    Terna effettua la manutenzione degli elettrodotti e delle stazioni attraverso otto Aree Operative di Trasmissione dalle quali dipende la maggior parte – poco meno del 70% – delle risorse umane della Società.