Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

Codici di Rete Europei

 

Cosa sono


I Codici di Rete europei sono un insieme di regole che, in base al c.d. “Terzo Pacchetto Energia”, si applicano a più aree del settore energetico e sono definiti per le questioni “cross border” relativamente a: 

• connessione alla rete (c.d. Connection Network Codes),
• integrazione dei mercati e gestione delle congestioni tra le reti (c.d. Market Network Codes),
• sicurezza e interoperabilità delle reti di trasmissione (c.d. System Operation Network Codes).

Gli attori coinvolti nella redazione dei Codici di Rete europei

Il Regolamento (CE) n. 714/2009 attribuisce a ENTSO-E, l’Associazione Europea dei Gestori di rete dei sistemi di trasmissione di energia elettrica, il compito di elaborare i Codici di rete europei, sulla base di un elenco di priorità annuali definite dalla Commissione Europea, in conformità con gli orientamenti quadro adottati dall’ACER (l’ Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia) a valle della consultazione degli stakeholders del settore energetico.

I rapporti con i Codici di Rete Nazionali

I Codici di rete europei sono adottati nella forma di Regolamenti europei dalla Commissione mediante la procedura di Comitologia. Tali Codici sono quindi atti legislativi sovranazionali e vincolanti che prevalgono su quelli nazionali per quanto riguarda gli aspetti “cross border”.

Implementazione dei Codici di Rete a livello nazionale e attori coinvolti

Ciascun codice di rete europeo, pur essendo obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati Membri, richiede una serie di passi da intraprendere prima che possa essere considerato pienamente attuativo a livello nazionale.
L’implementazione può includere, in base al Codice oggetto di implementazione, decisioni nazionali, accordi regionali, nonché nuove metodologie comuni europee.

I Transmission System Operators (TSO), le imprese distributrici (DSO), i principali players del mercato, le Autorità di Regolazione nazionali, ACER ed ENTSO-E sono attivamente coinvolti nel processo di implementazione dei Codici di Rete.

Status dei Codici di Rete europei

Nel seguito si riportano i Network Codes europei e le Guidelines pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea e le relative procedure di attuazione approvate.

  • Codici di Rete di Mercato

    a. Orientamenti in materia di allocazione della capacità e di gestione della congestione- CACM Guideline (Regolamento UE 2015/1222) 


    • Il CACM è entrato in vigore in data 14 agosto 2015. 
    • Il CACM stabilisce orientamenti in materia di allocazione della capacità interzonale e di gestione della congestione relativamente ai mercati del giorno prima e infragiornaliero, compresi i requisiti per l'adozione di metodologie comuni per determinare i volumi di capacità disponibili simultaneamente fra zone di offerta, i criteri per valutare l'efficienza nonché un processo di riesame per definire le zone di offerta.
    • Metodologie approvate dai Regolatori/ACER in base alle CACM Guidelines:
    Definition of the Capacity Calculation Regions (CCRs)
    Decisione 06/2016 - Approvazione da parte di ACER del documento recante la determinazione delle regioni di calcolo della capacità (CCRs).
    Delibera 686/2017/R/eel - Approvazione della proposta elaborata da tutti i gestori di rete di modifica della determinazione delle CCRs
    Congestion Income Distribution Methodology (CIDM)
    - Il documento contiene la metodologia di ripartizione delle rendite di congestione
    - il documento è stato approvato dall’ACER in data 14 dicembre 2017
    Generation and Load Data Provision Methodology (GLDPM)
    - La GLDPM è la metodologia di comunicazione dei dati sulla generazione e sul carico per la predisposizione del modello di rete comune
    - La GLDPM è stata approvata con delibera 683/2016/R/eel
    Common Grid Model Methodology – CGMM
    - La CGMM è la metodologia finalizzata alla predisposizione di un modello comune di rete europeo
    - La CGMM è stata approvata con delibera 332/2017/R/eel
    All TSOs’ proposal for the day-ahead firmness deadline (DAFD)
    - È la proposta comune elaborata da tutti i gestori di rete per lo sviluppo della day-ahead firmness deadline (DAFD) cioè il limite temporale oltre il quale il valore di capacità di trasporto tra le zone, calcolato e comunicato dai gestori di rete, si considera definitivo e irrevocabile.
    - La DAFD è stata approvata con la delibera 437/2017/R/eel
    • Delibera 784/2017/R/eel - Approvazione della proposta di procedure di fallback per la regione Greece - Italy, ai sensi dell’articolo 44 del Regolamento (UE) 2015/1222 (CACM)
    • Delibera 21/2018/R/eel - Approvazione della proposta di procedure di fallback per la regione Italy North, ai sensi dell’articolo 44 del regolamento (UE) 2015/1222 (CACM

    b. Orientamenti in materia di allocazione della capacità a termine - FCA Guideline (Regolamento UE 2016/1719) 

    • Il FCA è entrato in vigore in data 17 ottobre 2016 
    • Il FCA stabilisce norme sull'allocazione della capacità interzonale nei mercati a termine, sull'istituzione di una metodologia comune per determinare la capacità interzonale a lungo termine, sull'istituzione di una piattaforma unica di allocazione a livello europeo per offrire diritti di trasmissione a lungo termine e sulla possibilità di restituire diritti di trasmissione a lungo termine per successiva allocazione di capacità a termine o di trasferirli tra operatori del mercato 

    • Metodologie approvate dai Regolatori/ACER in base alle FCA Guidelines:
    Approvazione delle regole armonizzate di allocazione dei diritti di trasmissione di lungo termine
    Le regole armonizzate di allocazione dei diritti di trasmissione di lungo termine sono state approvate da ACER con decisione 3/2017 pubblicata in data 10 ottobre 2017
    • Delibera 699/2017/R/eel - Approvazione dell’Allegato regionale alle regole armonizzate di allocazione dei diritti di trasmissione di lungo termine (HAR) per la regione per il calcolo della capacità (CCR) Italy North, ai sensi dell’articolo 52 del Regolamento (UE) 2016/1719 (FCA).
    • Delibera 702/2017/R/eel- Approvazione dell’Allegato regionale alle regole armonizzate di allocazione dei diritti di trasmissione di lungo termine (HAR) per la regione per il calcolo della capacità (CCR) Greece Italy, ai sensi dell’articolo 52 del Regolamento (UE) 2016/1719 (FCA).
    • Delibera 701/2017/R/eel - Approvazione della proposta di definizione dei diritti di trasmissione di lungo termine (LTTR) per la regione per il calcolo della capacità (CCR) Italy North, ai sensi dell’articolo 31 del Regolamento (UE) 2016/1719 (FCA) e delibera 703/2017/R/eel.
    All TSOs’ proposal for a Generation and Load Data Provision Methodology (GLDPM FCA)
    È la proposta comune elaborata da tutti i gestori di rete relativa a una metodologia di comunicazione dei dati sulla generazione e sul carico necessari per realizzare il modello comune di rete.
    La GLDPM FCA è stata approvata con delibera 766/2017/R/eel

    c. Orientamenti in materia di bilanciamento del sistema elettrico (Regolamento UE 2017/2195)
    • Il Regolamento è entrato in vigore il 18 dicembre 2017
    • Il Regolamento stabilisce orientamenti dettagliati in materia di bilanciamento del sistema elettrico, compresa la fissazione di principi comuni per l'acquisizione e il regolamento delle riserveper il contenimento della frequenza (frequency containment reserves), delle riserve per il ripristino della frequenza (frequency restoration reserves) e delle riserve di sostituzione (replacement reserves) e una metodologia comune per l'attivazione delle riserve per il ripristino della frequenza e delle riserve di sostituzione

  • Codici di Rete Operations

    a) Orientamenti in materia di gestione del sistema di trasmissione dell'energia elettrica – SO Guideline (Regolamento UE 2017/1485) 

    Il SO Guideline è entrato in vigore il 14 settembre 2017

    - Il SO Guideline stabilisce un quadro armonizzato a livello europeo di requisiti per la gestione del sistema elettrico europeo per i Transmission System Operators (TSOs), i Distribution System Operators (DSOs) e gli utenti rilevanti del sistema elettrico (Significant Grid Users – SGUs), con riferimento a requisiti e principi per la gestione in sicurezza del sistema elettrico e alle regole e le responsabilità per il coordinamento tra i gestori dei sistemi di trasmissione e distribuzione dalla fase di pianificazione operativa fino all’esercizio in tempo reale del sistema.

    b) Codice di rete in materia di emergenza e ripristino dell'energia elettrica (Regolamento UE 2017/2196)
    - Il Regolamento è entrato in vigore il 18 dicembre 2017
    - Il Regolamento istituisce un Codice di rete che stabilisce i requisiti in materia di: a) gestione degli stati di emergenza, blackout e ripristino da parte dei TSO; b) coordinamento della gestione del sistema in tutta l'Unione negli stati di emergenza, blackout e ripristino; c) simulazioni e prove per garantire il ripristino affidabile, efficiente e rapido dei sistemi di trasmissione interconnessi, dallo stato di emergenza o blackout allo stato normale; d) strumenti e strutture necessari a garantire il ripristino affidabile, efficiente e rapido dei sistemi di trasmissione interconnessi, dallo stato di emergenza o blackout allo stato normale.