Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB


Perché serve. Per garantire la continuità dell’alimentazione elettrica della Lombardia, Terna realizzerà una nuova sezione a 380 kV presso l’attuale impianto a 220 kV di Magenta con brevissimi raccordi all’elettrodotto a 380 kV “Turbigo – Baggio”. La nuova sezione e i relativi raccordi consentiranno un collegamento diretto della rete a 132 kV con l’altissima tensione garantendo così affidabilità, sicurezza e flessibilità di esercizio della rete elettrica nell’area compresa tra le stazioni a 380 kV di Turbigo e di Baggio.

Il progetto. Il progetto prevede l’interramento parziale di quattro linee elettriche a 132 kV. Gli interramenti costituiscono l’attuazione del “Protocollo d’Intesa sugli Obiettivi Strategici di Potenziamento e Razionalizzazione della Rtn in Lombardia”, condiviso dalla Regione Lombardia, il Parco Lombardo della Valle del Ticino e Terna e sottoscritto il 5 gennaio 2010. Saranno demoliti circa 325 metri di linea a 380 kV e verrà avviata la fase di interramento parziale delle linee a 132 kV che fanno capo alla stazione elettrica di Magenta. Le demolizioni ricadono tutte all’interno dell’area del Parco Lombardo della valle del Ticino. La progettazione dell’opera è stata sviluppata nel pieno rispetto degli obiettivi di salvaguardia, tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente. Non c’è interferenza diretta con i siti di Natura 2000 che sono collocati a una distanza minima tale da non costituire oggetto di particolare attenzione ai fini paesaggistici. L’area di stazione occupa terreni agricoli e non impatta quindi con boschi o habitat di particolare pregio. L’estensione di linee aeree che saranno dismesse dopo l’intervento avrà un impatto positivo sul paesaggio.

Le tappe. Dopo il protocollo firmato il 5 gennaio 2010 con la Regione Lombardia e il Parco Lombardo della Valle del Ticino, Terna ha aperto un confronto con il Comune di Magenta con l’obiettivo di condividere le proposte. Il Comune di Magenta ha sviluppato lo schema degli interventi di sviluppo della rete elettrica proposti da Terna nell’ambito del territorio comunale e ne ha approvato i contenuti all’unanimità il 9 luglio 2014. Dopo il consueto e approfondito confronto con i cittadini e le amministrazioni locali e un Terna Incontra che si è tenuto il 14 ottobre 2015, il progetto è stato autorizzato il 7 marzo 2018.