Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

Quello dei dati elettrici è senza dubbio il più importante patrimonio di contenuti nativi di Terna, che per legge ha tra i suoi compiti esclusivi l’elaborazione delle statistiche per l’intero settore a livello nazionale. Dal 2000 sono state raccolte con strumenti di avanguardia le rilevazioni di circa 4.500 operatori, tra produttori e distributori, che ora mettiamo a disposizione di tutti i nostri stakeholder, anche i “non tecnici”.

Chi è interessato a capire come è cambiato il mercato dei consumi elettrici in Italia in relazione all’evoluzione industriale ed economica degli ultimi vent’anni o a farsi un’idea dei progressi verso gli obiettivi internazionali di decarbonizzazione - attraverso parametri fondamentali come la copertura della domanda elettrica -, troverà in questa sezione grafici e file con tutti i dati dal 2000 al 2017 divisi per categorie.

Uno strumento di lavoro per operatori e analisti di mercato, ma anche per un pubblico più ampio: agenzie di regolazione, giornalisti, istituzioni, esperti ambientali, amministratori, accademici o semplicemente curiosi. Un progetto di datasharing in cui crediamo moltissimo, nella convinzione che il nostro ruolo di operatori della trasmissione e del sistema elettrico, oltre alla “responsabilità dell’energia”, ci dia anche quella di diffusione della conoscenza su un tema fondamentale come la transizione energetica che ci riguarda tutti.

Nel 2017 in Italia la domanda di energia elettrica ha raggiunto i 320,5TWh, registrando un incremento del 2,0% rispetto all’anno precedente. Questa è stata soddisfatta per l’88,2% da produzione nazionale, coperta ancora principalmente dalla componente termoelettrica tradizionale che continua rappresentare oltre il 50% del fabbisogno, e per la restante quota dalle importazioni nette dall’estero. Queste ultime tornano a registrare un incremento nel 2017 (+2,0 %) dopo la riduzione del 20,2% avuta rispetto al 2015 che aveva visto, tra le altre cause, il calo delle importazioni di energia elettrica dalla Francia.

L’osservazione della serie storica della richiesta di energia elettrica permette di notare che dopo un periodo di crescita costante che arriva fino al 2007, vi sia un andamento ampiamente oscillatorio con una tendenza al ribasso causata dalla crisi economica.

Domanda di energia elettrica in Italia (TWh)

L’evoluzione storica del fabbisogno di energia elettrica nel nostro paese, dal 2000 in poi. In base al periodo selezionato è possibile osservare la serie storica dei dati annuali (usa lo zoom) o il dettaglio mensile (trascina il grafico da destra a sinistra).

Struttura % della domanda elettrica (TWh)

La composizione del fabbisogno di energia elettrica per i vari elementi che lo compongono: produzioni, pompaggi e scambi esteri. In base al periodo selezionato è possibile osservare come sia evoluta la struttura di questa grandezza, dal 2005 in poi.

Copertura della domanda di energia elettrica (TWh)

L’evoluzione storica, a partire dal 2005, del contributo delle fonti di produzione rinnovabili e non rinnovabili (tradizionali) alla copertura del fabbisogno di energia elettrica del nostro paese.

I consumi di energia elettrica, attestandosi a 301,9TWh, nel 2017 tornano a mostrare un incremento positivo dopo il calo visto nel biennio precedente. L’andamento di questa grandezza si presenta crescente fino al 2008, quando tocca il picco assoluto di 319TWh, dopodiché la pesante crisi dell’economia si abbatte anche sui consumi elettrici, in particolare nel 2009 e negli anni successivi in cui l’andamento rimane altalenante con un recupero nel 2015 del +2,1% e un nuovo recupero proprio nel 2017 (+2,2%).

La modifica strutturale del settore elettrico italiano, per lungo tempo sostanzialmente stabile, registra una progressiva riduzione dei consumi del settore industriale a vantaggio del settore terziario, con una tenuta dei consumi del settore domestico e dell’agricoltura. Nonostante la flessione dei consumi elettrici avvenuta nell’ultimo decennio, l’industria rimane comunque il settore più rilevante nella struttura dei consumi italiani (nel 2017 rappresenta il 41,6%).

L’osservazione del mercato dei consumi evidenzia il progressivo calo del mercato tutelato a fronte di un significativo incremento del mercato libero.

Consumi di energia elettrica per settore (TWh)

L’evoluzione storica dei consumi di energia elettrica nel nostro paese, ripartiti per settore di attività economica, dal 2000 in poi.

Consumi di energia elettrica del settore industriale (TWh)

La composizione dei consumi elettrici del settore industriale per le diverse classi merceologiche, con diversi livelli di dettaglio. In base al periodo selezionato è possibile osservare come sia evoluta la struttura di questo settore, dal 2000 in poi.

Consumi di energia elettrica per tipologia di mercato (TWh)

L’evoluzione storica dei consumi di energia elettrica registrati nel nostro paese suddivisi per le tre tipologie di mercato, dal 2000 in poi.

Nel 2017 la produzione lorda nazionale pari a 295,8TWh è stata coperta per il 70,8% da produzione termoelettrica (+5,0% rispetto al 2016), per il 12,8% da produzione idroelettrica (che con -14,1% rispetto al 2016 scende per il terzo anno consecutivo) e il restante 16,3% dalle fonti geotermica, eolica e fotovoltaica. Quest’ultima, dopo il calo registrato per la prima volta nel 2016 (-3,7%) dovuto principalmente ad un minor irraggiamento solare rispetto al 2015, torna a crescere con una variazione pari a +10,3%; mentre riguardo le altre fonti rinnovabili, fatta eccezione per l’eolico che rimane sostanzialmente stabile, si registra una contrazione che naturalmente interessa principalmente la componente idroelettrica, ma in minima parte anche la fonte geotermoelettrica (-1,4%) e le bioenergie (-0,7%).

Produzione lorda di energia elettrica per fonte (TWh)

La composizione della produzione lorda di energia elettrica ottenuta con le diverse fonti, dal 2000 in poi.

Produzione lorda delle sezioni termoelettriche (TWh)

La composizione della produzione di energia termoelettrica per le diverse tipologie di sezione, con diversi livelli di dettaglio. In base al periodo selezionato è possibile osservare come sia evoluta la produzione termoelettrica, dal 2000 in poi.

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (TWh)

L’evoluzione storica del contributo delle varie fonti rinnovabili alla produzione di energia elettrica del nostro paese, dal 2000 in poi.

Dal 2002 al 2008 il decreto “sblocca centrali” ha incrementato la produzione di energia elettrica da gas naturale di circa il 75%. A partire dal 2009, in conseguenza diretta della riduzione della domanda post-crisi e del progressivo ingresso delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano, ha inizio il calo della produzione da gas naturale, pur continuando a mantenere il primato rispetto agli altri combustibili.

Il cambio nel mix di combustibili, i cambiamenti relativi all’efficienza del parco impianti nonché la riduzione dei volumi dei cicli combinati, frutto dell’azione congiunta della domanda e dell’ingresso delle rinnovabili nel sistema, hanno avuto degli effetti diretti sul livello di emissioni del parco installato italiano: le emissioni totali del parco di generazione relative alla CO2 sono passate da 132,5Mt nel 2000 a 102,4Mt alla fine del 2017.

Produzione lorda termoelettrica per combustibile (TWh)

La composizione della produzione termoelettrica ottenuta con le diverse tipologie di combustibile, dal 2000 in poi.

Emissioni di CO2 per la produzione elettrica

L’evoluzione storica delle emissioni di CO2 relative alla produzione di energia elettrica ottenuta con le diverse tipologie di combustibile, dal 2000 in poi.

CO2 (asse y, m ton) vs rinnovabile (asse x, %) nel periodo 2000/2017

L’evoluzione storica del contributo della produzione da fonti rinnovabili sulle emissioni di CO2, dal 2000 in poi.

Potenza efficiente* lorda per combustibile utilizzato (MW)

La composizione della capacità del parco termoelettrico per le diverse tipologie di combustibile utilizzato, dal 2005 in poi.

La capacità installata in Italia a fine 2017 risulta complessivamente in linea rispetto all’anno precedente, attestandosi a 117,1GW. Il calo del termoelettrico dovuto alle grandi dismissioni del parco di generazione tradizionale e alle riconversioni con depotenziamento di impianti non più competitivi nel panorama elettrico italiano, viene mitigato dall’entrata in esercizio di nuovi impianti e dagli incrementi registrati su settore delle energie rinnovabili che continuano a crescere seppur con un ritmo più lento rilevato a partire dal 2014. Ricordiamo che negli anni tra il 2009 e il 2013 i “nuovi” settori rinnovabili (eolico, fotovoltaico e bioenergie) hanno segnato in Italia un trend di crescita eccezionale, con un picco nel 2011, grazie anche ad un quadro legislativo particolarmente incentivante. Dal 2014, con il progressivo venire meno delle misure più favorevoli e con il superamento nel 2015 dell’obiettivo europeo di copertura del fabbisogno da rinnovabile, il ritmo di crescita del settore si è stabilizzato su livelli più contenuti.

Potenza efficiente* lorda per fonte (MW)

L’evoluzione storica della capacità del parco di generazione elettrica per le diverse fonti, dal 2000 in poi.

Potenza efficiente* lorda delle sezioni termoelettriche (MW)

La composizione della capacità termoelettrica per le diverse tipologie di sezione, con diversi livelli di dettaglio. In base al periodo selezionato è possibile osservare come sia evoluta la struttura della capacità in questi anni, dal 2000 in poi.

Potenza efficiente* lorda degli impianti da fonte rinnovabile (MW)

La composizione della sola capacità rinnovabile per le diverse fonti. In base al periodo selezionato è possibile osservare come sia evoluta la struttura, a partire dal 2000.
* La potenza efficiente di un impianto di generazione è la massima potenza elettrica possibile per una durata di funzionamento sufficientemente lunga per la produzione esclusiva di potenza attiva, supponendo tutte le parti dell’impianto interamente in efficienza e nelle condizioni ottimali (di portata e di salto nel caso degli impianti idroelettrici e di disponibilità di combustibile e di acqua di raffreddamento nel caso degli impianti termoelettrici). Si parla di potenza efficiente lorda se misurata ai morsetti dei generatori elettrici dell’impianto.

È possibile scaricare qui tutti i dati:

Scarica i dati