Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

The Global Compact Il Consiglio di Amministrazione di Terna del 16 dicembre 2009 ha deliberato l’adesione al Global Compact, il network multi-stakeholder promosso dalle Nazioni Unite che unisce Governi, imprese, Agenzie ONU, organizzazioni sindacali e della società civile e promuove  10 principi universali su Diritti umani, Lavoro, Ambiente e Lotta alla corruzione.

Il Global Compact - ai cui i principi Terna si è richiamata sin dal 2006 adottandoli nel suo Codice Etico - impegna i soggetti che vi hanno aderito su base volontaria, a promuovere e supportare i 10 principi e, più in generale, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio definiti dalle Nazioni Unite.

Tutte le attività svolte in tal senso sono comunicate almeno una volta all'anno attraverso la Communication on Progress (CoP). Per la completezza delle informazioni pubblicate, le CoP di Terna sono classificate al livello "advanced", il più alto sopra "basic" e "active".

Da novembre 2011 Terna sostiene le iniziative del Global Compact Network Italia anche attraverso la partecipazione attiva allo Steering Committee italiano (costituitasi in fondazione dal 2013).

 

Terna al Private Sector Forum di New York
L’AD di Terna Luigi Ferraris è intervenuto al Private Sector Forum, l’appuntamento annuale del Global Compact organizzato presso la sede dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York cui hanno partecipato Amministratori Delegati di grandi imprese, investitori, Capi di Stato e di Governo, rappresentanti delle Nazioni Unite e della società civile. In coerenza con gli impegni dell’Agenda 2030, il Global Compact ha invitato 300 leader provenienti da tutto il mondo a discutere di come mobilitare il sostegno finanziario necessario per raggiungere gli SDGs. L’AD di Terna ha consegnato al Global Compact un documento contenente proposte concrete per agevolare il finanziamento degli SDGs, come ad esempio l’invito alle istituzioni competenti ad inserire requisiti ambientali e sociali negli appalti pubblici e agli investitori a superare la distinzione tra analisti finanziari e analisti di sostenibilità.
Diritti umani

Nell’ambito delle rispettive sfere di influenza, i soggetti aderenti al Global Compact devono: 

  • promuovere e rispettare i diritti umani universalmente riconosciuti (Principio I); 
  • assicurarsi di non essere, neppure indirettamente, complici negli abusi dei diritti umani (Principio II).

Lavoro

Alle imprese partecipanti al Global Compact è richiesto di: 

  • sostenere la libertà di associazione dei lavoratori e riconoscere il diritto alla contrattazione collettiva (Principio III);
  • eliminare tutte le forme di lavoro forzato e obbligatorio (Principio IV); 
  • eliminare il lavoro minorile (Principio V); 
  • eliminare ogni forma di discriminazione in materia di impiego e professione (Principio VI).

Ambiente

I soggetti aderenti al Global Compact devono:

  • sostenere un approccio preventivo nei confronti delle sfide ambientali (Principio VII);
  • intraprendere iniziative che promuovano una maggiore responsabilità ambientale (Principio VIII)
  • incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie che rispettino l’ambiente (Principio IX)

Lotta alla corruzione

Le imprese partecipanti al Global Compact si impegnano a contrastare la corruzione in ogni sua forma, inclusa l’estorsione (Principio X).