Terna acquista la rete elettrica in alta tensione di Ferrovie dello Stato per 757 milioni di Euro


PRICE SENSITIVE

9

dicembre 2015 12:00

    •Firmato il contratto per l’acquisizione dell’intero capitale sociale di S.EL.F – Società Elettrica Ferroviaria S.r.l.

    •Terna consolida il primato europeo con oltre 72.000 km di rete gestiti

     

    Terna S.p.A. (“Terna”), Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A. (“FS”) e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (“RFI”) hanno firmato oggi un contratto di compravendita (il “Contratto”) avente ad oggetto l’acquisizione da parte di Terna dell’intero capitale sociale di S.EL.F., Società Elettrica Ferroviaria S.r.l. (“SELF”), società interamente controllata da FS attiva nel settore della trasmissione dell’energia elettrica (l’intero capitale di SELF è definito come “Partecipazione”).

    Il perimetro dell’operazione comprende:

    • 7.510 km di elettrodotti in alta e altissima tensione e 350 stazioni elettriche che saranno ricompresi nell’ambito della Rete di Trasmissione Elettrica Nazionale (“RTN”) a seguito del perfezionamento dell’operazione, in virtù di quanto previsto dall’art. 1, comma 193, della legge 23 dicembre 2014 n. 190 - Legge di Stabilità 2015 (“nuova Porzione RTN”),

    • 869 km di elettrodotti in alta e altissima tensione già facenti parte della RTN (“Porzione RTN”),

    • un contratto per il passaggio della fibra ottica di proprietà di BasicTel S.p.A. (“Attività Non Regolate”).

    Il corrispettivo pattuito per la compravendita è pari a 757 milioni di euro. Terna finanzierà l’operazione usufruendo di linee di credito e liquidità già disponibili.

    L’integrazione del perimetro SELF, per un totale di 8.379 km, comporterà una crescita di circa il 13% dei chilometri di linee complessivamente posseduti e gestiti da Terna  - che con 63.900 km di rete gestita è già il primo operatore indipendente d'Europa - e si colloca all’interno del processo di unificazione e ampliamento della RTN, che ha già prodotto e continuerà a generare consistenti benefici per le imprese e le famiglie italiane.

    La transazione prevede l’assegnazione a SELF, per effetto di scissione parziale di RFI, del ramo d’azienda costituito dal perimetro sopra descritto; prevede altresì l’ottenimento dell’autorizzazione dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, nonché il mancato esercizio dei poteri speciali di cui all’articolo 2 del decreto legge 15 marzo 2012 n. 21 (c.d. Golden Power).

    La nuova Porzione RTN riceverà una remunerazione tariffaria secondo quanto previsto dalla deliberazione 517/2015/R/eel dell’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Servizio Idrico (“AEEGSI”) che ha determinato, tra l’altro, il valore del capitale investito netto riconosciuto ai fini tariffari (c.d. Regulated Asset Base) di tale porzione in 674 milioni di euro e l’evoluzione dei costi operativi e degli ammortamenti riconosciuti.

    Nel 2014 la Porzione RTN gestita da SELF ha generato ricavi tariffari per 7,4 milioni di euro, mentre le Attività Non Regolate hanno registrato ricavi per 5,6 milioni di euro.

    L’operazione non prevede il trasferimento di personale e di passività finanziarie e include alcuni contratti di servizio tra SELF e RFI per la gestione transitoria delle infrastrutture acquisite.

    L’operazione avrà impatti positivi sugli utili del gruppo Terna a partire dal secondo anno di consolidamento di SELF.

    Avevamo identificato un'opportunità per Terna e per l'intero sistema elettrico italiano - ha commentato Matteo Del Fante, amministratore delegato di Terna - Perciò siamo molto soddisfatti di aver concluso un'operazione industriale tanto complessa nei tempi che ci eravamo prefissati e che avevamo annunciato. Per noi e per il Paese si tratta di un traguardo importante, poichè questa acquisizione darà vita ad un'unica rete di trasmissione, che eviterà duplicazioni e consentirà di garantire maggiore sicurezza, efficienza e risparmi. Inoltre, in un'ottica internazionale, Terna potrà ora contare su una forza ancora maggiore nel processo di integrazione delle reti, sia in Europa che nel Mediterraneo.

    Ai fini della valutazione sulla congruità del valore complessivo dell’operazione, il Comitato Operazioni con Parti Correlate di Terna è stato assistito da Rothschild in qualità di esperto indipendente, mentre il Consiglio di Amministrazione è stato supportato da Banca IMI e UniCredit.

    ****

    L’Operazione è stata inquadrata quale operazione tra parti correlate, in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 6 del Regolamento Operazioni con Parti Correlate di cui alla delibera Consob n. 17221/2010 e s.m.i. (Regolamento), tenuto conto che: (a) FS è una società interamente controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (“MEF”); (b) il MEF detiene una partecipazione pari all’80,1% del capitale sociale di Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.; (c) Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. detiene il 59,1% di CDP Reti S.p.A.; (d) CDP Reti S.p.A. detiene il 29,851% del capitale sociale di Terna.

    L’operazione è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di Terna previo parere favorevole rilasciato all’unanimità dal Comitato Operazioni con Parti Correlate.

    Trattandosi di operazione con parti correlate “di maggiore rilevanza”, ai sensi dell’art. 8 del Regolamento e dell’art. 5.3 della Procedura, Terna procederà alla pubblicazione del documento informativo ai sensi e per gli effetti dell’art. 5 del Regolamento con le modalità ed entro i termini ivi previsti.

    Con riguardo alle previsioni di cui all'art. 71 del Regolamento Emittenti, si ricorda che Terna ha comunicato il 18 gennaio 2013 di aderire al regime opt-out previsto dagli artt. 70, comma 8 e 71, comma 1-bis, del Regolamento Emittenti avvalendosi pertanto della facoltà di derogare agli obblighi di pubblicazione dei documenti informativi prescritti in occasione di operazioni significative di fusione, scissione, aumento di capitale mediante conferimento di beni in natura, acquisizioni o cessioni.



    Scarica il comunicato