Lavora con noi |  Archivio Generale |  Fornitori |  Contatti 
it-ITen-GB

procedura-vas

Cos'è e come funziona la VAS

La procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) è stata introdotta dalla Direttiva comunitaria 2001/42/CE e recepita nel D.lgs. 152/2006, con l’obiettivo “di contribuire all’integrazione degli aspetti ambientali all’atto dell’elaborazione di piani e programmi". Nella procedura di VAS sono coinvolti i ministeri dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente e dei Beni Culturali, oltre alle amministrazioni territoriali.

Il dialogo costante con il territorio, anche attraverso il processo di concertazione, permette la ricerca condivisa di ipotesi sostenibili per la localizzazione delle opere previste dal Piano di Sviluppo della rete elettrica (PdS). La VAS orienta il processo di concertazione attraverso le indicazioni contenute nel parere motivato, che conclude la fase di valutazione. Gli esiti della concertazione confluiscono nel monitoraggio VAS dell'attuazione del Piano.

Da settembre 2011 è attivo il Portale VAS (in aggiornamento), quale strumento a supporto della fase di Consultazione e del Monitoraggio.

La procedura di VAS

Ai sensi della normativa vigente, la procedura di VAS del PdS della Rete elettrica di Trasmissione Nazionale (RTN) si articola nelle fasi rappresentate qui sotto.

  • Preliminare
  • Elaborazione
  • Consultazione
  • Valutazione
  • Decisione
  • Monitoraggio
procedura-vas-prelimare

La Verifica di Assoggettabilità

Per verificare se un piano deve essere sottoposto alla procedura di VAS, nei casi previsti dalla norma, è richiesta la cosiddetta Verifica di assoggettabilità: a tal fine, il Rapporto Preliminare deve comprendere una descrizione del piano, oltre alle informazioni e ai dati necessari alla verifica degli impatti ambientali significativi della sua attuazione (art. 12 D. Lgs. 152/2006).

Il Rapporto Preliminare

La stessa normativa prevede anche, per tutti i casi che non ricadono nella verifica di assoggettabilità alla VAS, che il proponente e/o l’autorità procedente (Ministero dello Sviluppo Economico, nel caso del PdS) entri in consultazione, sin dalle fasi preliminari dell’attività di elaborazione del piano, con l’autorità competente per la VAS (Ministero dell’Ambiente, nel caso del PdS) e con gli altri soggetti competenti in materia ambientale, al fine di definire la portata e il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel Rapporto Ambientale (art. 13 c. 1 D. Lgs. 152/2006). Tale consultazione avviene “sulla base di un Rapporto Preliminare sui possibili impatti ambientali significativi dell’attuazione del piano”.

In data 18/04/2018 Terna, ai sensi dell’art. 13, c. 1 D. Lgs. 152/2006, ha trasmesso all’autorità competente, all’autorità procedente e agli altri soggetti competenti in materia ambientale (SCA) il Rapporto Preliminare relativo al PdS 2018 (RP 2018), al fine di definire la portata e il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel Rapporto Ambientale. In data 19/01/2019 la Commissione Tecnica del Ministero dell’Ambiente ha formulato il proprio parere sul RP 2018. Si segnala che è ancora in corso la procedura di VAS dei PdS 2016 e 2017.

procedura-vas-elaborazione

Il Rapporto Ambientale sugli impatti del piano

Il proponente (Terna) elabora il Rapporto Ambientale che costituisce parte integrante del piano e ne accompagna il processo di approvazione.

Nel Rapporto Ambientale sono individuati, descritti e valutati gli impatti significativi che l'attuazione del piano potrebbe avere sull'ambiente e sul patrimonio culturale (art. 13 D. Lgs 152/2006).

Una volta elaborato, il Rapporto Ambientale è trasmesso all'Autorità competente e reso disponibile al pubblico per la fase di Consultazione.

Il Rapporto Ambientale recepisce, tra l’altro, le osservazioni e il parere sul rispettivo Rapporto Preliminare.

procedura-vas-consultazione

La possibilità di partecipare

Come previsto dalla vigente normativa, il Ministero dello Sviluppo Economico attiva la fase di consultazione riguardo al Piano di Sviluppo e al relativo Rapporto Ambientale, mediante un avviso pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Entro il termine di 60 giorni dalla pubblicazione dell’avviso in GU, chiunque può trasmettere osservazioni in forma scritta al Ministero e a Terna.

Al fine di favorire anche la consultazione in scala adeguata dei dati cartografici relativi al Rapporto Ambientale, Terna ha realizzato uno specifico portale cartografico webgis (Portale VAS in aggiornamento), accessibile al pubblico, contenente le rappresentazioni cartografiche prodotte nell’ambito delle analisi ambientali sugli interventi di piano.

Terna ha trasmesso all’autorità competente, all’autorità procedente e agli altri soggetti competenti in materia ambientale il Rapporto Ambientale relativo al PdS 2018 (RA 2018), al fine di avviare la consultazione. Il relativo avviso è stato pubblicato dal MiSE sulla G.U. n.163 del 13/7/2019.

procedura-vas-valutazione

La conclusione della VAS

Il Ministero dell’Ambiente, in qualità di autorità competente per la procedura di VAS del PdS, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), autorità procedente, svolge le attività tecnico-istruttorie.

Acquisisce e valuta la documentazione presentata (Piano di Sviluppo, Rapporto ambientale e Sintesi non tecnica), nonché le eventuali osservazioni pervenute nell'ambito della Consultazione.

Infine, esprime il proprio Parere motivato entro 90 giorni dal termine della Consultazione (art.15 del D.lgs. 152/2006).

Attualmente è in fase di predisposizione, da parte del Ministero dell’Ambiente, il parere motivato sul RA dei PdS 2016 e 2017.

procedura-vas-decisione

L'approvazione del piano

La decisione in merito all’approvazione del PdS della RTN è di competenza dell'Autorità procedente, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE).

I passaggi necessari e propedeutici a questa decisione sono:

  • la trasmissione, da parte di Terna, della proposta di piano e del rapporto ambientale all’autorità competente;
  • la trasmissione all’autorità procedente, da parte della competente, del parere motivato espresso di concerto con il Ministero dei Beni e della documentazione acquisita nell'ambito della consultazione.

Inoltre, prima dell’approvazione del piano l’autorità procedente, in collaborazione con l’autorità competente, provvede alle opportune revisioni del piano (o del relativo Rapporto ambientale), tenendo conto delle risultanze del parere motivato.

Contestualmente all’approvazione del piano viene pubblicata una dichiarazione di sintesi, che illustra il modo in cui le considerazioni ambientali sono state integrate nel piano.

procedura-vas-monitoraggio

La verifica dell'attuazione del piano

Il monitoraggio è volto ad assicurare il controllo sugli effetti ambientali significativi derivanti dall'attuazione del piano, nonché la verifica del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità prefissati.

Il monitoraggio consente quindi di individuare eventuali effetti negativi imprevisti e di definire misure correttive, andando ad arricchire il quadro conoscitivo per i piani successivi.

All'interno del Portale VAS (in fase di aggiornamento) è possibile trovare le analisi di monitoraggio condotte sul Piano e i suoi interventi, in relazione alle componenti territoriali, ambientali e paesaggistico-culturali.

Terna ha recentemente trasmesso il secondo Rapporto di Monitoraggio VAS dell’attuazione del PdS (RM VAS), aggiornato al 31 dicembre 2016, articolato in Parte I, Parte II e Parte III.